collegamento logo

Dirittoalgioco.it

A promozione della cultura ludica partecipata ed inclusiva

Index - Presentazione - Attività - Tavolo - Archivio - Logo - Festa 2018 - progettare 2019 - policy privacy

ARTI IN GIOCOocchiali con filtri solari ingrandimento

giocare l'arte e con gli artisti ma senza la didattica

ARTI IN GIOCO è formula di animazione ludica di strada semplicemente vincente e che serve nel contesto delle proposte per i bambini/e di oggi, dove il programmato è in eccesso.

A partire da un gruppetto di artisti/e ed il supporto organizzativo e progettuale di Mara dello studio ArcLab e Debora del Dock 61, si sono progettati percorsi per "giocare con l'arte" ogni nno in una modalità differente e che scaturisce da vivida creatività, scegliendo di espandere i limiti di un tema predefinito.

Nel 2015 Calder e Matisse e il gioco: la postazione del concorso di pittura (e si ringrazia Compagnia delle biglie per averci prestato i cavalletti) sul tema "In cielo e in terra"; con il "Muro Matisse", frutto di un lavoro di preparazione che ha riprodotto lo sfondo di un famoso quadro dell'artista H. Matisse (Composition - the velvets), per poter realizzare con i bambini/e l'attività del "disegnare con le forbici" (cosi come il famoso artista autodefinì il suo impegno artistico che caratterizzo il suo ultimo periodo di vita); l'installazione ludica "Labirinto di Lenzuola" per liberare la motricità, che è stato conseguenza di laboratori in due doposcuola scolastici; altre tre attività, quella della stampa e quella della costruzione del giocattolo in onore di A. Calder (artista americano che ha dato avvio alla kinetic art), nonchè della strada di gessetti colorati.

postazione pittura ingrandimento dipinto ingrandimento gruppo dipinto ingrandimento coccinella per lo sfondo matisse ingrandimento ritagliare ingrandimento
postazione di pittura e dello sfondo matisse
tre immagini del piccolo concorso di pittura sotto l'albero della Catalpa e i suoi baccelli. A semicerchio il piccolo gruppo misto ha dato il via ad un serio impegno, uniche regole erano l'età (solo per le scuole primarie), ed il tempo a disposizione (90 minuti). Sotto, In queste immagini si ripercorre l'attività del laboratorio "Disegnare con le forbici", per creare forme e colori da apporre sul "Muro Matisse". La regola consegna per i partecipanti era di restare sul tema "foglie ed insetti", da preparare prima al tavolo del laboratorio per poi apporre sullo sfondo comune. L'avvio è stato dato dall'adulto che per primo ha preparato foglie ed insetti per "iniziare" al gioco. Nell'occasione si è avuto come ospite delle attività anche Michael Newman, in pausa dal suo tour "Summerhill in Romagna e oltre". La lumaca, il suo simbolo, di cui fa raccolta sotto ogni forma si presenti.
ritaglio creativo ingrandimento soggetto del ritaglio ingrandimento libellula sullo sfondo Matisse ingrandimento attaccare sullo sfondo ingrandimento elemnti sullo sfondo Matisse ingrandimento
preparazione degli elementi per lo sfondo Matisse
giocare nel labirinto matisse ingrandimento rincorrersi ingrandimento nel labirinto ingrandimento
Il "Labirinto di lenzuola" è stato il frutto di un'attività ideativa avviata l'anno scorso, sempre per l'occasione della seconda Festa del diritto al gioco, come esito di un laboratorio presso CittaMeticcia - doposcuola. Quest'anno ripreso e migliorato per coinvolgere altri due doposcuola dell'Arci, avendo poi il debutto presso la terza Festa.

Nel 2016 arte povera di Pino Pascali: l'ambientazione "in cassetta" (ambientazione del contesto di strada); il gioco "Cadavere squisito" (detective che con il disegnare ricompongono la scena del delitto, ricostruire una cosa "vivisezionata"); i "mini-bachi da setola" (assemblaggi di materiali minimi per creare insetti anche con il pelo); statue di gesso (composizione di polveri e oggetti per generare oggetti altri).

ambientazione a cassetta ingrandimento volantino ingrandimento contesto ingrandimento arte povera di strada ingrandimento tavolo d'artista ingrandimento
Gli artisti hanno preso particolarmente a cuore l'ambientazione dell'evento, affinchè il luogo risultasse visibilmetne diverso dal normale, perchè li' a breve - sarebbe successo qualcosa di insolito dalla quotidianità. Il tutto è accaduto ricorrendo a oggetti da riusare, cambiandogli di contesto. Oggetti che sono tornati utili anche alle attività, come le tante casette da frutta in legno
mini bachi da setola ingrandimento cadavere a pezzi ingrandimneot detective ingrandimento guerriero ingrandimento oggetti nella polver liquida ingrandimento
oggetti di gesso ingrandimento mani nel gesso ingrandiemnto laboratori di gesso ingrandimento laboratorio di gesso ingrandimento setolati insetti ingrandimento
CADAVERE SQUISITO - operare per passi: piegare un foglio in diverse parti; avviare il disegno in una parte, facendo in modo che i limiti sbordino nella parte di foglio contigua; quindi un'altra persona continua il disegno, senza sapere che cosa ha fatto la precedente; infine si apre il foglio e si vede il risultato di una sorprendente e alquanto simpatica "collaborazione alla cieca"
INSETTI DI SETOLA - per richiamarsi ad un'artista contemporaneo, Pino Pascali con i suoi "bachi da setola": un turacciolo, degli scovolini colorati, puntine colorate, colla e carta pezzettini di legno, ed ecco pronto un insetto che fa bene campagnia ai Bachi da setola di Pino, artista di fama mondiale ma poco noto in Italia
STATUE IN GESSO - Per realizzare questo laboratorio è importante avere a disposizione una grande quantità di oggetti e materiali di riuso riciclo, più o meno piccoli e a disposizione, a portata di mano/occhio per il dopo. Quindi fare delle prove di assemblaggio degli oggetti tra di loro, scegliendoli dal mucchio. Ciò significa decidere come sistemare gli oggetti selezionati, facendo delle prove di assemblaggio. Infine assemblarli tra di loro ricorrendo al gesso liquido, vestendo guanti. Attendere pochi minuti affinchè il tutto si solidifichi.

Nel 2017 si è scelto di ricorrere all'errore creativo, mostrato e poi fatto sperimentare come anche con l'errore si poteva trarre un "giovamento espressivo": da gocce di colore lasciate cadere sul foglio; da gocce di acqua fatte colare con il dito sulla decorazione di una tela di cotone; con l'uso di carta da forno colorata; con altre pennellate di colore su di un foglio a cui veniva poi applicato dell'alcool.

sul tessuto ingrandiemnto spruzzare ingrandiemnto libricini che colano ingrandiemnto risultati ingrandimento pennello ingrandimento
reticolato di colori ingrandimento colorare la tela ingrandimento tela a mosaico ingrandimento
sopra i "Libricini Trapasso" frutto di un processo di "alcolizzazione" del colore su carta; e sotto "Mandala del bicchiere" conseguenza di coloratura di una tela che viene poi bagnata con il liquido che è nel bicchiere
preparare le lenti ingrandimento fissare le lenti ingrandimento fissare le lenti ingrandimento guardare il mondo con lelenti a colori ingrandimento
costruire gli occhali AlterVista, su di una montatura "fai da te", applicare un filtro di colori
gocciolature ingrandimento pressare lievemente ingrandimento mescolanze ingrandimento errore creativo ingrandimento
"Mescolanze", frutto di iniziali gocciolature sul foglio, e poi pressare con altro foglio sul primo

Nella formula, in un unico pomeriggio si prevede di fare svolgere una serie di laboratori in contemporanea, dalle 15,00 alle 18,00 presso l'area antistante il Dock 61, prevedendo per la metà del pomeriggio anche l'offerta della merendina, dolce o salata e con bevande.
Il pomeriggio viene organizzato con molta semplicità, con un primo momento di laboratori vari, una merenda, una possibile ripresa dei laboratori che accolgono nuovi arrivati, “spesso i ritardatari”, un momento di celebrazione finale con associata la "critica d'artista", ed il dono distribuito a tutti/e i partecipanti.
Ogni volta sono quattro o cinque le proposte a cui i partecipanti si cimentano volentieri, scegliendo autonomamente dove coinvolgersi e per quanto tempo.

pittore in erba ingrandimento dipingere con le forbici ingrandimento

L'appuntamento in strada con gli artisti serve a generare una situazione affinché, volontariamente - prestando le loro competenze in un contesto ludico, di non specializzazione, di non giudizio – anche loro contribuiscono a fare maturare una moderna, diversa cultura dell'infanzia, dove il “minore” è si da proteggere, ma sopratutto da riconoscere come individuo, con una personalità. E il giocare con il colore e le altre forme espressive aiuta in maniera impressionate a liberare potenziali e talenti. Sostanzialmente con quest'evento si è ha voluto generare un precedente affinchè l'artista, gli artisti/e trovino una situazione per potersi relazionare ludicamente con le nuove generazioni, passando loro qualcosa della personale passione per l'arte, giocando il tutto su di un terreno piacevole ed accessibile, evitando il didattico, liberando la creatività anche nel come ambientare l'evento con i mezzi poveri a disposizione. "Un invito agli artisti/e", affinchè gli stessi/e mettano a disposizione dell'infanzia la loro passione per l'arte, relazionandosi con i bambini e le bambine attraverso il gioco, abolendo ogni forma di specializzazione e di didattica.

Nella Convenzione sui Diritti dell’Infanzia approvata dall’Assemblea delle Nazioni Unite nel 1989 e nella Carta europea dei diritti del fanciullo, ratificata dall'Italia, varata dal Parlamento Europeo nel 1992, viene citato il diritto del Bambino a partecipare alla vita culturale e artistica. michael newman ingrandimento
In particolare nell’articolo 31 della Convenzione Onu si afferma che “1- Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo e al tempo libero, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età e a partecipare liberamente alla vita culturale e artistica. 2- Gli Stati parti rispettano e favoriscono il diritto del fanciullo di partecipare pienamente alla vita culturale e artistica e incoraggiano l’organizzazione, in condizioni di uguaglianza, di mezzi appropriati di divertimento e di attività ricreative, artistiche e culturali.”
Un articolo essenziale come l'acqua e come il pane, l'amore ed il rispetto, affinché il bambino e la bambina possano avere un'armonica crescita e sviluppo fisico, emotivo, socio-relazionale con gli altri/e e l'ambiente.
Si suggerisce di vedere il breve ed emozionante video "This is me" su youtube, che tanto è piaciuto ai bambini/e delle classi scolastiche con cui - l'anno scorso come anche quest'anno - si è lavorato per promuovere il diritto al gioco all'aperto (nonchè l'empowerment dei "minori" a trovare forme rispettose ed accessibili per rimuovere l'ostacolo stesso). Un lavoro in classe che ha permesso di produrre un documento che raccoglie le voci dei bambini/e sugli ostacoli che si oppongono al libero, indipendente, gratuito giocare in luoghi pubblici.

Ogni volta l’evento ha un discreto successo di presenze, e l’atmosfera resta positiva, ed abbiamo avuto anche la gradita presenza di Michael Newman, in tour per il progetto "Summerhill in Romagna e oltre".
Ogni volta e per quanto sia possibile, con i poveri mezzi a disposizione (che non vuol dire non attraenti) si è cercato di ricreare lo spazio, dando alla strada ed al parcheggio un'altra veste, che fosse riconoscibile come luogo di attività con i bambini/e, portando cose, spostando cose, restando in sicurezza.

mara ingrandimento giuria ingrandimento pergamena e dono ingrandimento
All'interno del Dock 61 si è radunato il gruppetto di artisti ed artiste "in erba", per la loro premiazione, con Mara e l'artista pittore Paolo Targhini, che hanno consegnato pergamena e premio, letto la nota che evidenzia gli aspetti positivi e ciò che si può migliorare del talento.


Non si nasconde che associata all'esperienza ludica, è anche il simbolico intento di riappropriazione di spazi pubblici sottratti al gioco ed all'incontro (il più delle volte “culturalmente” - per le barriere che hanno gli adulti di oggi nella mente - che per ostacoli o pericolo fisico). Giocare in strada è diventato un tabù quando non è un pericolo. Reclamiamo la strada come luogo di incontro gioco scambio eventi per gli adulti come per i bambini/e nelle città amiche dell'infanzia.

Al team operativo si associano Mara, componente del vicino studio ArcLab (addetta alle premiazioni, anche invitando artisti a parlare con i bambini/e), e Debora del Dock 61 (che ha gentilmente ha contribuito ad arricchire la merenda offerta tutti/e). La ”premiazione” con la critica d’artista sono mometi conclusivi che li si desidera molto piacevoli, seguiti sempre dal dono per tutti/e.

veronika ingrandimento debora ingrandimento Mara ingrandimento Michela ingrandimento renzo ingrandimento
massimo ingrandimento caterina ingrandimento bart ingrandimento
alcuni dei e delle protagonisti/e delle diverse edizioni di Arti in gioco

 

Giocare in strada è diventato un tabù quando non è un pericolo. Reclamiamo la strada come luogo di incontro gioco scambio eventi per gli adulti come per i bambini/e nelle città amiche dell'infanzia

gessetti in strada ingrandimento gessetti in strada ingrandimento disegnare sulla strada