collegamento logo

Dirittoalgioco.it

A promozione della cultura ludica partecipata ed inclusiva

Index - Presentazione - Attività - Tavolo - Archivio - Logo - Progettare 2020 - Policy privacy

LE ATTIVITA' DEL GRANDE GIOCO Ludo Orienteering 2019ludo orienteering ingrandimento

Il 20 ottobre 2019 si è realizzata la prima edizione della Ludo Orienteering nella città di Ravenna, un grande gioco in città a chiusura cgrande gioco ingrandimento del Progetto della Festa del diritto al gioco 2019. L'evento è stato molto partecipato da parte delle famiglie che si sono messe in movimento per la città attraversandola sia a piedi e sia in bicicletta, non sono come piccoli gruppi famiglia ma anche in gruppi di famiglie organizzate.

La bella giornata ha supportato tutto l'evento ed ha anche visto l'adesione alle varie attività di gruppi e famiglie di turisti.
In questa pagina si far resoconto con testo ed immagini dei bei momenti di festa alla riscoperta di luoghi giocabili della città, nonchè si rende merito all'insieme di persone ed organizzazioni che hanno collaborato per realizzare qualcosa di veramente unico.

Si ricorda poi che, nei due giorni precedenti si è avuta la "Formazione al gioco", con tre momenti formativi condotti da esperti locali e del nazionale, all'insegna del motto "Giocare è un diritto non un optional". Il tutto è stato possibile a conseguenza di un consistente premio che ha vinto il Progetto della "Festa del diritto al gioco di Ravenna e forese" aderendo a conCittadini - progetto dell'assemblea legislativa dell'Emilia Romagna (a favore delle tematiche della cittadinanza attiva inerenti Diritti, Legalità e Memoria attraverso la partecipazione).

Teatro rasi – più giochi e giocattoli

giocattoli al Rasi ingrandimento video giochi e tradizione ingrandimento catapulte al Rasi ingrandimento
Diverse postazioni ludiche sono state predisposte al teatro Rasi e nel suo giardino, condiviso con la casa protetta Garibaldi. Questo è stato possibile attraverso l’impegno degli operatori della Drammatico vegetale, la collaborazione con l’associazione Lucertola Ludens e la disponibilità di Roberto Papetti, che ha prestato alcune delle sue preziose ed ultime creazioni, manufatti ludici dalle fattezze artistiche, pezzi unici.
les jeux d'enfantes
All’interno del Rasi c’erano i giocattoli di Mastro Nocciola, sotto allo schermo che proiettava documenti storici francesi sul gioco tradizionale, che forse gli stessi genitori dei bambini/e di oggi non hanno mai avuto modo di giocare, probabilmente senza avere avuto la possibilità di “sentirsi padroni della strada” e della piazza durante il gioco.
All’esterno il gioco con le catapulte e con il labirinto di tubi, nella ricerca di dove finisce il suono che si lancia da un’estremità verso un'altra da ritrovare.
Molto evocative quest’ultima gigantesca struttura ludica, “riesumata” da un magazzino dopo un lungo periodo di inattività.
Les Jeux de d'enfantes : staordinaria la testimonianza in video di come era comune giocare in luoghi pubblici e privati, quando era normale avere gruppi gioco auto gestirsi spazi e tempi del gioco, scegliere con chi e a cosa giocare... e la Ludo Orienteering non vuole essere nostalgica rievocazione ma proiezione in un futuro prossimo in cui anche Ravenna diventa una città sempre più a misura di bambino/a

 

Giardini della Loggetta Lombardesca – la battaglia delle Comete

gioco della battaglia cometa ingrandimento battaglia ingrandimento battaglia con gli adulti ingrandimento
L’associazione Lucertola Ludens ha attrezzato una semplice area di gioco per la "Battaglia delle Comete", un gioco tanto semplice quanto avvincente che spinge due squadre a rilanciarsi di continuo oggetti volanti da un campo all’altro, decretando il vincitore colui colei che avrà ottenuto il minor numero di comete nel proprio campo. Non ci sono limiti di giocatori, basta allargare il campo, servono però due squadre equlibrate
Preparate in anticipo, le Comete sono un oggetto estremamente versatile per inventare giochi, l’unico pre requisito – che per altro viene acquisto abbastanza in fretta anche dai neofiti – è quello di saper lanciare e riprendere la volo l’oggetto volante. Questa è l’unica preparazione che viene richiesta ai giocatori prima di avventurarsi nella competizione.
Questa tappa della Ludo Orienteering ha portato i frequentatori più giovani facilmente a giocare con la complicità degli adulti, ed è stato un bene vedere il gioioso ed avvincente coinvolgimento di entrambi per fare del loro meglio nella competizione.

 

Giardini Speyer – La Ragnatela di Arlecchino

preparare ingrandimento ragnatela da attraversare ingrandimento giocare nella ragnatela di arlecchino ingrandimento
La postazione ludica della “Ragnatela di Arlecchino” ubicata ai giardini Speyer ha richiesto un po’ di tempo per essere predisposta da un gruppetto di operatori dell’Associazione Lucertola Ludens (che solitamente usa anche durante la Festa del diritto al gioco ai giardini Manifiorite); Essa è costituita da lunghe calze colorate elastiche tra loro annodate a formare una simil ragnatela, che viene tenuta a terra oppure un po’ sospesa attraverso il ricorso a corte canne di bambù, ben piantate a terra.
Ma una volta pronta, questa struttura ludica non richiede la conduzione di alcun operatore, in quanto risulta uno “sfondo ludico”, cioè un grande giocattolo che conduce intuitivamente ad essere giocato. Con essa è anche facile ideare modalità diversificate di gioco (rincorrendosi, variando il superamento degli ostacolo - calzini annodati, cambiando l’altezza dell’ostacolo, individualmente, in coppia in gruppetto), senza andare a trasformare più di tanto la struttura.
Sul luogo, associata alla Ragnatela di Arlecchino c’erano anche il tavolo dell’Unicef, del Baratto e della Merenda, che avevano orari diversi di attivazione e che hanno visto arrivare la gran parte della gente che si è messa in marcia o in sella”, per completare tutto o parte del percorso, solitamente tenendo per ultima questa postazione.
I giardini Speyer affiancano ad un lato Cittattiva, luogo in cui si sono svolte le riunioni preparatorie dell’evento e anche di chiusura della Ludo Orienteering cittadina
baratto ingrandimento biciclette ingrandimento

 

Piazzetta Marsala - ass. Suoni in tasca

 

Rocca Brancaleone - ass. Tralenuvole

 

Darsena Pop Up - Ludica - ass. Lucertola Ludens

ludica ingrandimento disordine sul tavolo collegamento aereoplanino ingrandimento girandola ingrandimento applicazione dlela girandola ingrandimento
impegno nel fare ingrandimento aereoplanino ingrandimento
Questa tappa della Ludo Orienteering ha permesso ai partecipanti di sperimentarsi con materiali e strumenti che di solito non sono facile consuetudine, ne per le modalità ne per i risultati a cui essa porta.
Il "rischio" è stato una degli "agenti" importanti che hanno facilitato il pieno coinvolgimento nel fare e nell'ideare, ricorrendo a scarti di legno e soprattutto a strumenti per lavorarli, come martello e seghetto, raspa e tamponi porta carta vetrata. Semplici strumenti della "tecnologia delle mani", direbbe l'amico Gianfranco Zavalloni. Una era l'idea proposta dagli alduti - la girandola - e per il resto c'era un tavolo "imbandito" di materiali e strumenti a disposizione della creatività ed inventività.
gioco per tutti ingrandimento
La cornice in cui si è sviluppato il laboratorio di Ludica resta sempre "straordinaria" ed in coerenza con il contesto, in cui spazio e grandi giocattoli soo a disposizione di tutti/e, e tnati sono i bambini e le bambine che arrivano fino a qui accompagnati da genitori e non per giocare senza la guida e presenza degli adulti. Appunto una condizione "straordinaria " per le nuove generazioni dei nostri tempi in cui R. Farnè coniato la frase di una generazione in erba "agli arresti domiciliari tanto a casa che a scuola", ma che alla Darsena Pop Up trova un'oasi felice di auto gestione.
Un aereoplanino, una batmobile aerea, e la girandola"app-applicata" (realmente e non virtualmente) al monopattino sono solo alcune delle creazioni realizzate durante questo tempo della Ludo Orienteering 2019 , e soprattutto tanto impegno fisico ed intellettuale per arrivare al "prodotto finito", vera tappa per la costruzione di un sè confidente