PROGETTO 2021/2022

Il progetto dell'anno 2021/2022 - EDIZIONE 8


Questa edizione del Progetto ha preso avvio ad ottobre 2021 e si concluderà eccezionalmente in dicembre 2022


SCARICA LA MAPPA DELLE ATTIVITA' IN PROGETTO e l'insieme delle animazioni pubbliche del "Maggio giugno in gioco".
FORMAZIONE - Il progetto di quest'anno ha previsto che le azioni sul territorio si siano avviate da febbraio 2022 con la Formazione al gioco: unricco programma di eventi online ed in presenza (per iscrizioni inviare email a iscrizioni@dirittoalgioco.it)
Sotto lo slogan “Giocare è un diritto non un optional” si è svolto un percorso di "IN-formazione al gioco" in modalità sia online che in presenza, che ha compreso:

-3 momenti brevi di testimonianze online(assaggi al convegno),

-la realizzazione di un convegno pubblico online
-e due laboratori formativi "a partire da sé" per docenti e terzo settore,

-infine l'aggiunta di un'intervista registrata con Theresa Casey, autrice del documento "Play in crisis".

La rete a supporto di questo percorso era costituita dalle seguenti organizzazioni Alipergiocare (Ass. di secondo livello che riunisce ludobus e ludoteche italiane) e la Libera Università del Gioco (LUnGi), Movimento nonviolento, facendo focus sul documento “Play In Crisis – giocare nell’emergenza”, che è frutto di una ricerca dell’International Play Association (IPA) - tradotto in italiano da Alipergiocare. Con le tre azioni si è voluto sviluppare il tema (sia inquadrandolo teoricamente e sia portando esempi di buone pratiche), avendo come obiettivo ultimo la pubblicazione dello stesso (da parte del Comune di Ravenna) in forma di agile quadernino per genitori, possibilmente fruibile negli studi pediatrici.
Si sono realizzati episodi video gratuitamente consultabili sulla piattaforma YouTube, canale della Libera Università del Gioco:a questa paginala lista dei link ai video.
Sono inoltre in corso d'opera le trascrizioni del verbale delle diverse interviste del percorso online, e si darà notizia della loro pubblicazione.

Nell’opera sarà coinvolto anche il“Tavolo del diritto al gioco”, struttura che da anni si è costituita a vantaggio del Progetto e dell’implementazione dell’Art.31 della Convenzione, composto da: Ass. Culturale Pediatri di Romagna, Dalla parte dei minori, La Ruota Magica, Unicef comitato locale, Arci Provinciale, Centro per le famiglie (Ravenna e Cervia), referente Acer Case popolari e referenti della Qualificazionee Politiche giovanili di Comune.
Non si esclude che quest’ultimo si impegni anche in altri percorsi, in quanto (dall’ultima riunione) l’orientamento è di insistere anche su ciò che fu avviato in precedenza: il gioco inclusivo (ottenere la costruzione dell’area giochi per tutti, che è un progetto con fondi approvati, ma di cui non sono stati ancora avviati i lavori presso parco Ipazia - di fronte alla piscina comunale), dei “Regolamenti” in aree pubbliche e private (come i cortili condominiali, di cui si fece convegno dal titolo “Oggi dove posso giocare?”e ora si vuole arrivare ad influenzare il regolamento Edilizio comunale agendo con il coerente Assessorato, facendo tesoro di quanto dibattuto al convegno del 27 maggio “Vietato vietare di giocare”) che ostacolano il gioco libero, e del “giocare al naturale” (“liberare il gioco” di carattere non strutturato e con gli elementi della natura anche in aree pubbliche, proseguendo quanto avviato con il convegno del 03 ottobre e la tavola rotonda del 28 giugno “Giocare al naturale”), tutto in continuità con quanto realizzato nelle precedenti due edizioni del Progetto.

Toy-boxes - giocattoli assemblabili da costruire in famiglia e “Postcard bridges – ponti di cartoline", a partire da gennaio e fino a maggio 2022, due progetti iniziati l’anno scorso vedono in questa nuova edizione del progetto della "Festa del diritto al gioco di Ravenna" una loro applicazione all’interno dell’ambiente scolastico, in congiunzione con quello famigliare e possibilmente stimolando il meticciamento tra classi di Comuni diversi.
L’obiettivo di quest’anno sarà di rendere i bambini/e protagonisti dell’ideazione di cartoline, secondo un procedimento che è stato promosso dall’Associazione nell’anno scorso: si tratta di chiedere di “copiare” quanto già fatto e adeguarlo al contesto. Nel processo si individua:
-l’invito ai gruppi classe a realizzare giocattoli loro consegnanti via Toyboxes;
-realizzare foto ai giocattoli costruiti (ispirati dalle cartoline dell’anno scorso - progetto Postcard Bridges) e di ubicare gli stessi in ambienti a loro noti e che piacciono;
-l’associazione si preoccuperà sia di inviare alle nuove classi che aderiscono alla proposta le cartoline dell’anno scorso (per stimolare la costruzione del giocattolo); e sia di editare le foto realizzate dalle classi, per tradurre queste in formato cartolina;
-con il supporto di conCittadini e del Comune di Ravenna stampare un numero congruo di cartoline;
-queste “cartoline da protagonisti” saranno l’oggetto di un avvio di scambio tra classi al di là del Comune. Ad oggi hanno aderito 4 pluriclasse dei dintorni di Piacenza, due di Ravenna, quattro di Savarna e due di Bologna (circa 200 minorenni)
Come opzioni di arricchimento e valorizzazione dei manufatti, c’è l’esposizione dei risultati aGiocOsa- seconda edizione di metà maggio 2022 –a Palazzo Rasponi; nonchè poter ricevere uno o più kit delle Toyboxes, e/o interventi in classe degli esperti della costruzione del giocattolo.
Le classi di Ravenna sono in favore di accogliere le classi di Piacenza nella loro eventuale gita nel contesto della piazza Kennedy e presso il luogo della mostra della seconda edizione di GiocOsa.

SCUOLA - come ogni anno, si è attivato uno speciale percorso  con le docenti della scuola dell’infanzia Manifiorie (scuola che è quasi adiacente al parco omonimo), con cui realizzare attività in sezione con i bambini ed i genitori a partire dalle Toyboxes; il prezioso supporto al progetto della scuola delle Manifiorite è sempre stato prolungato alla loro gioiosa e arrricchente partecipazione alla Festa del diritto al gioco (anche con una loro responsabile auto gestione di postazioni ludiche).
In primavera, diversi percorsi brevi di labratorio sono stti realizzati sia nella scuola primaria di Savarna che alla Pascoli.

INDAGINE - Indagine online sulla percezione del gioco in città– In precedenti edizioni il Progetto ha sempre esplorato l’opinione dei bambini/e in classe rispetto agli “Ostacoli al gioco all’aperto” (documento di orientamento del Progetto e dei lavori del Tavolo del diritto al gioco). In quest’edizione si vuole cominciare a raccogliere dati rispetto agli adulti, ai genitori dei bambini/e che si sono incontrati, e/o che si incontreranno in eventi pubblici, docenti e terzo settore, chiedendo loro di esprimersi online in forma anonima, su quesiti che servono a cogliere la loro percezione del gioco in città. Sarà un primo tentativo di avere informazioni utili a programmare interventi e scrivere articoli per la stampa locale. In questo vi sarà viva collaborazione all’Ass. LUnGi.

DEPLIANT - Già dall’anno scorso si è costituto un team (esperti del gioco, una grafica e un’illustratrice) che ha lavorato sull’ideazione di un originaleDepliant a promozione del Diritto al gioco a misura di bambino/a.Dopo avere valutato simili Depliantsi è arrivati alla definizione di una prima bozza che, prima di andare in stampa presso la Stamperia del Comune, la si vorrà sottoporre a critiche costruttive di altri esperti, nonché delle sperimentazioni con piccoli gruppi di bambini/e.

L’originalità del Depliant consiste nel fatto di risultare inizialmente “un supporto alle attività ludiche”, cioè sarà mediante la partecipazione al laboratorio che il depliant prenderà forma e personalizzazione. Il Depliant stampato a colori diventa la base su cui attivare l’impegno ludico e creativo del bambino, affinchè la comprensione dei concetti in esso espressi sia associata all’azione ed interazioni del se con il mezzo e con gli altri presenti. E’ in questo senso che si considera il Depliant “a misura di bambino/a”. Focus del messaggio sono i pregiudizi degli adulti verso il gioco, quali il classicoprima il dover e poi il piacere, veri ostacoli culturali all’implementazione dell’Art. 31 della Convenzione. Alla fine del laboratorio, ogni partecipante avrà in mano un manufatto ludico personalizzato portante un messaggio che vuole rompere con il pregiudizio.

LUDOTECA - Laboratori al circolo Arci Quintet (ludoteca giochi da tavolo), doposcuola ARCI della scuola primaria Pasini, Case popolari di via Grado e di via PATUELLI, Centro Sportivo tennis CSI
In ciascuno di questi contesti di aggregazione e ricreazione si svilupperanno percorsi da 4 a 6 incontri, in cui realizzare “risorse ludiche” da portare anche alla Festa, nonchè fare promozione diretta della Festa stessa. La formula è già stata sperimenta altre volte, e funziona la possibilità di realizzare giocattoli per se e per altri giocatori che non si conoscono, ma che si potranno incontrare al parco durate la Festa.
In particolare al centro Quintet l’attività predisposta concorrerà a porre le basi per una “ludo officina permanente” dotata di una “Biblioteca diffusa”, con libri sulla cultura ludica locale e internazionale e di pedagogia dell’animazione.

Aprile/Maggio/Giugno in gioco” – Sono stati pianificati una decina di eventi all’aperto in forma di animazione di strada e piazza in città ed in periferia, in alcuni parchi e giardini, offrendo sia attività diurne che in serale; tutti piccoli eventi che anticipano e/o posticipano con l’evento culmine, cioè la Festa del diritto al gioco al parco delle Manifiorite, prevista per il 29 maggio 2022 pomeriggio.

PROGRAMMA:

- 15 maggio “Festa di primavera - giochiamo assieme” dalle 15,00 alle 18,00 presso il Giardino Pietro Gaudenzi, in via Dismano di Ponte Nuovo VOLANTINO

- 19 maggio “Ludica Laboratorio”, presso Centro per le Famiglie di Ravenna dalle 16,30 alle 17,30 VOLANTINO (si richiede iscrizione a numero chiuso)

- 21 maggio “Tutti-In-Barc-Abili”, dalle 9,30 alle 17,30 a Marina di Ravenna, piazza Dora Marcus VOLANTINO

- 24 maggio “Ludica Laboratorio”, presso Centro per le Famiglie di Ravenna dalle 16,30 alle 17,30 (si richiede iscrizione a numero chiuso)
- 24 maggio “Laboratorio giocattoli sonori”, presso Cittattiva, via Carducci 14, dalle 17,00 alle 18,30

- 29 maggio “Festa del Diritto al gioco” presso il parco delle Manifiorite, dalle 15,30 alle 18,30

- 30 maggio “Piccola festa del gioco scolastico”, incontro tra classi di Piacenza e Ravenna, presso i giardini del parco della pace, dalle 14,00 con un contenuto speciale portato da R. Papetti, in arte Mastro Nocciola (animatore storico del Comune di Ravenna) dal titolo "La carovana dei Pacifici"

- 02 giugno “”Ludica lanterne”, Bagno Federico (Punta Marina di Ravenna), laboratorio alle 18,00 e poi gioco in notturna nel cerchio delle lanterne, dalle 20,30 con Juan Pablo Bonetti, esperto inludopedagogia (autore del libro “Gioco Corpo Abbordaggi e Climi”)VOLANTINO

- 29 luglio Inaugurazione con Festa dell’area giochi inclusiva del parco Ipazia (vicino piscina comunale, via Copernico/Calcagnini) dalle 10,30 alle 12,30

- animazione alla Rocca Brancaleone del 05 luglio e  del 18 settembre con il contenuto speciale "A giocare con Bruegel"
-due date di laboratorio al Cine-GiardiniSpeyer, organizzato da Cittattiva nelle serate del 02 e 30 settembre dalle 20,00 fino all'inizio del film

- piccola festa con i Gommascontri presso parco delle Manifiorite del 14 settembre ore 17,00


Le attività del programma sono sempre gratuite 


LA FESTA DEL GIOCO - Per la realizzazione della Festa da sempre esiste il supporto del Centro la Quercia (centro aggregazione anziani) per quanto riguarda i tavoli e le transenne; e del centro Quake (centro di aggregazione adolescenti) per l’uso delle toilette e delle sedie. Altri supporti sono stati forniti dalla presenza di adulti di altre organizzazioni con cui si è collaborato da lunga data, quali: il personale della scuola dell’infanzia Manifiorite, Arci, Legambiente, e soprattutto il gruppo scout Ravenna 4 ed il gruppo dei bambini/e del dopo scuola Arci (della scuola Pasini), con alune proposte di gioco; e poi il Tavolo del Ricircolo con il baratto di giochi e giocattoli; sarà anche prsente il tavolo del comitato Unicef locale e Claudio (del circolo Matelda Legambiente) con "le passeggiate del benessere", il gazebo con laboratorio del Centro per le famiglie.


LUDO ORIENTEERING - In programma anche la seconda edizione della Ludo Orienteering, probabilmente per la domenica pomeriggio del 16 ottobre 2022, coinvolgendo le famiglie alla riscoperta di luoghi giocabili della città perchè pubblici e sicuri, orientati da una specifica mappa. Per l’occasione si riattiverà una rete di organizzazioni locali dedite al gioco, come strumento di apprendimento e come libertà espressiva, facendo riferimento a Citt@ttiva (come luogo da cui dipartire e in cui svolgere la merenda), l’Ass. Suoni in tasca, Tra le nuvole, Centro Tante lune, Drammatico Vegetale, Uisp, Coop La Pieve, Scout Ra 1, Villaggio Globale.


GIOCOSA IBRIDA - In programma anche la seconda edizione di GiocOsa, mostra di giocattoli del fai da te e non solo, che avverrà presso la sala della Manicalunga della Biblioteca Classense, in collaborazione con l'Istituto biblioteca classense. Per la circostanza, si tratterà più di una "GiocOsa Ibrida", in cui l'ispirazione per la seconda edizione verrà presa dalla collezione dei Tavolieri (giochi da tavolo, giochi di società) della collezione Classense.
In essa convergeranno una pluralità di esibitori/trici e costruttori/trici di giocattoli, per passione, lavoro e tradizione, tutti e tutte testimoni di cultura ludica che hanno avuto inizio e sviluppo al centro “La Lucertola” del Comune di Ravenna e non. Assieme a loro vi sarà spazio anche alle scuole, sia per le classi che hanno aderito a toy-Boxes, Postcard Bridges che ad un gruppetto di ragazzi portatori di disabilità dell’IPS “Olivetti/Callegari”; sarà anche ospitata un'organizzazione di altra Regione: l'associazione R.E.S.P.I.R.O. con R. Olivera (Presidente di Ali per giocare, rete nazionale Ludobus e ludotecari italiani)
Inaugurazione il 21 novembre con un tavolo di confronto tra esperti di diritti dell'infanzia/adolescenza.
Tra Novembre 2023 e 06 genanio, si prevedono visite guidate per le classi al mattino e laboratori per le famiglie nei sabati pomeriggi e nei giorni di vacanza.
L’evento potrebbe portare con se anche una animazione di promozione in piazza Kennedy, prima della sua inaugurazione