PROGETTO 2023

Il progetto dell'anno 2023


Questa edizione del Progetto prenderà avvio a gennaio 2023 e si concluderà a ottobre 2023 - VEDERE MAPPA DI SINTESI


Giocare è un diritto non un optional, attraverso il Progetto della Festa del diritto al gioco di Ravenna, per la decima volta diventa una realtà che vuole concorrere a liberare il gioco tanto come libera espressione e sia come strumento per apprendere, orientando lo stesso alla promozione dei talenti.

Il forte e simpatetico intreccio di relazioni tra referenti di molteplici organizzazioni locali e Istituzioni pubbliche e dei Servizi educativi, permette la realizzazione di un ricco programma di eventi distinti in:
1.PROMOZIONE CULTURALE DEL GIOCO, con la mostra GiocOsa ;

2.FORMAZIONE AL GIOCO, con un convegno online e due momenti di laboratorio sulla manualità ludica e creativa tra febbraio e marzo 2023;

3.INTERVENTI NELLE SCUOLE e nell’EXTRA SCUOLA, con laboratori scolastici di costruzione del giocattolo per imparare a comunicare anche con tecnica e per liberare il gioco giocando con i giocattoli costruiti;

4.INTERVENTI nell’EXTRA SCUOLA con percorsi più o meno lunghi e gestiti da moltplici altre organizzazioni locali.

5.EVENTI PUBBLICI DI ANIMAZIONE CITTADINA, con piccoli eventi cittadini di gioco laboratorio di strada, piazza e giardino, nonchè la Festa del diritto al gioco a suo culmine.

 

Centrale sarà la nuova svolta processuale a puntare sulla collaborazione con la Casa delle culture per incrociare azioni e obiettivi di promozione della partecipazione e dell’ inclusione sociale utile a condividere risorse ludiche generate nel quartiere Darsena CON i residenti. Un’azione questa volta ad animare al meglio tanto la Festa del diritto al gioco (culmine del percorso del Progetto) e sia il Festival delle culture (percorso partecipato della Casa delle culture), come anche la Festa di chiusura dell’anno scolastico della scuola primaria.

promuovi anche tu il diritto al gioco all'aperto

FORMAZIONE E PROMOZIONE DELLA CULTURA LUDICA
febbraio-aprile 2023


“Il gioco è un diritto non un optional” – secondo questo slogan da diversi anni si attua la “Formazione al gioco”, indirizzata a docenti e operatori del terzo settore, via convegno e seminari/laboratori, in presenza ed online.


Da subito si richiama l'attenzione all'evento DIRITTI IN GIOCO del 21 novembre 2022, che coincide anche con l'inaugurazione di GiocOsa Ibrida, ed il suo ricco programma di animazioni gratuite con gli autori della mostra stessa.


Manualità ludica e cre-Attiva  - CONVEGNO ONLINE 18 febbraio pomeriggio - LINK a documento
Convergono a convegno sia autorevoli voci dell'ambito accademico che testimonianze di esperienze significative realizzate in diversificati contesti educativi e non. Nell'ipotesi si auspica anche dell'apporto offerto da alcune voci di operatori internazionali, che operano nell'ambito di progetti di ricerca sul gioco e della neuro scienza evolutiva. Hanno dato la loro disponibilità Gabriella Falcicchio (UNI Bari), Raffaele Mantegazza (UNI La Bicocca), Roberto Farnè (UNI Bologna), con testimonianze e proposte di buone pratiche di Antonio Di Pietro (Pedagogista e ludologo), Monia Monti (Docente scuola dell’infanzia ed esperta mindfullness); Roberta Olivera (presidente Ali per giocare ludo bus/ludoteche italiane), e due nomi locali come Monica Piancastelli e Roberto Papetti.

Ludica in formazione -  due laboratori/seminari in presenza del 25 marzo e 01 aprile al mattino
LINK a documento pdf

Da molti anni l’Associazione Lucertola Ludens ha attivo il progetto LUDICA con cui ha sviluppato una piccola mostra di giocattoli e laboratori di costruzione del giocattolo, ricorrendo all'utilizzo alternativo di materiali facilmente accessibili come quelli che finiscono il loro ciclo nella differenziata, nonché con il ricorso agli scarti del legno di lavorazione; e con essi si può avere una divertente "seconda vita delle cose". Con "Ludica in-formazione" si propone la riscoperta della manualità creativa con materiali di riutilizzo e di facile accesso.


GiocOsa Libera! - liberare il gioco per liberare talenti

Torna GiocOsa, la mostra dei giocattoli del "fai da te", in cui molteplici testimoni di cultura ludica locale e non si con-sociano per generare un nuova/terza edizione della mostra dei giocattoli costruiti con materiali di riuso e riciclo, ricorrendo prevalentemente a strumenti della manualità semplice, dove ciascuno e ciascuna può ritrovarsi nel proprio luogo domestico a rifare altrettanto, manufatti/giocattoli e  invetare modi di giocare con gli stessi.


I LABORATORI NELLE SCUOLE

Giocare è una cosa seria
SCUOLA PRIMARIA In collaborazione con il Comune e la Regione (progetto conCittadini) sono state stampate e divulgate a diverse classi della primaria (di Ravenna e in Regione), set di cartoline che illustrano giocattoli costruiti con materiali di riciclo e riutilizzo, nonché Toyboxes, ovvero kit di materiali tra loro da assemblare. Queste cartoline sono diventate opportunità che hanno stimolato sia la manualità creatività ed inventiva dei bambini/e, portandoli a generare giocattoli che, per certi aspetti, superano quanto illustrato nelle cartoline, nonchè sviluppare lo scambio e condivisione tra le classi coinvolte con  supporti alla comunicazione, e protagonismo ideativo ed operativo dei partecipanti verso la progettazione e stampa di nuove cartoline.

L'attività si muoverà sullo sfondo della promozione dei diritti secondo la Convenzione dei diritti dell'infanzia e adolescenza, a partire dal Diritto al gioco, in cui non mancherà l'invito a generare giochi con quanto si è realizzato con le proprie mani.
Tale percorso si incrocia anche con quanto progettato con la Casa delle culture e i laboratori per la scuola Pasini, rivolti a generare risorse ludiche per la Festa del diritto al gioco, il Festival delle culture e per la Festa della scuola.
Si prevedono un numero massimo di 10 classi da coinvolgere, con percorsi di 4 incontri cadauno.


SCUOLA DELL’INFANZIA Sono inoltre previsti interventi di coinvolgimento dei genitori e gruppi classe per le scuole dell’infanzia Monti e Manifiorite; per cui si devono attendere riunione di progettazione, tese alla costruzione di risorse ludiche e di promozione dell’inventiva e protagonismo dei genitori per gestire occasione di animazione sia per la una piccola festa del gioco della scuola Monti presso giardino di via Capodistria, e sia per l’intervento alla Festa del gioco della comunità della scuola Manifiorite.


INTERVENTI NELL' EXTRA-SCOLASTICO

Sono un insieme di interventi situati in posti specifici della città, in cui l’associazione ha già sviluppato rapporti collaborativi da diversi anni, dove realizzare con i bambini/e risorse ludiche che arricchiranno la Festa del diritto al gioco del 21 maggio e sono anch’essi contenuti nel rapporto di collaborazione con la Casa delle culture.


Quindi sono previsti interventi in luoghi specifici quali:
-il laboratorio Orli e Trame e la Casa volante (mini appartamenti al pian terreno, ACER case popolari, convertiti in luoghi di comunità);
-interventi sul territorio del gruppo Scout Ravenna 4 e il laboratorio di costruzione di giochi da tavolo da svolgere nella loro sede, e di animazioni Scout nel quartiere Darsena;
-il percorso di “laboratorio volante” nel cortile di un palazzo ACER di via Grado;
-la costruzione di una pista assemblabile al centro di agregazione per adoelscenti Quake e di piccoli oggetti per decorare se stessi/e e addobbi per il parco in occasione della sua Festa, riciclando creativamente scarti di sartoria;
-l’azione di un gruppetto di volontari locali capitanato da Cittattiva per fare del parco delle Manifiorite (attualmente in degrado) un bene comune, operando a tutela manutenzione di elementi di arredo.

-percorso di animazioni e laboratori alla Casa delle culture in cui sono protagonsti i  soggetti sopra menzionati.

Le animazioni pubbliche cittadine

Si fa qui lista di eventi che sono situazioni in cui più soggetti organizzati del territorio collaborano per uno specifico obiettivo, tavoli di lavoro del “fare” che permettono a persone che promuovono cultura ludica partecipata di incontrarsi e realizzare qualcosa che li soddisfa assieme, elaborando ulteriore cultura ludica, implementando opportunità di “liberare il gioco in città”.

Ludo-Orienteering - (vedi precedenti edizioni) una domenica pomeriggio dopo Pasqua, o di metà maggio 2023 – si vuole stimolare la riscoperta di “luoghi giocabili” e all’aperto della città, supportati da una mappa, si invitano le famiglie a raggiungere (a loro libera scelta) 10/12  “postazioni ludiche” disseminate in più luoghi del centro, concludendo con una merenda comune in Citt@ttiva. L’evento è ad una sua seconda edizione, la prima fu fatta tre anni fa.

Festa del diritto al gioco del 21 maggio presso il parco delle Manifiorite, quasi un evento culmine in cui fare confluire partecipazione e risorse ludiche realizzate prima durante i laboratori scolastici ed extra-scolastici. Giochi, laboratori, sfondi ludici, e merenda sono i contenuti generale dell’evento, con libera scelta di quale gioco giocare.
Per l’occasione, per gioco e per sicurezza, si chiude al traffico parte di via Eraclea (che costeggia il parco Manifiorite).

L'impegno per le risorse ludiche generate per l'evento tornerà utile anche per il week end successivo, cioè alla Festival delle culture e poi al sabato successivo per la Festa della scuola Pasini.

5 Piccole Animazioni di città – disseminate in più luoghi, durante maggio, anche in relazioni ad altri eventi organizzati da altri soggetti con cui si collabora da anni, attivare il gioco ed il laboratorio della manualità creativa volta al giocattolo in legno e con il riutilizzo di materiali di recupero.
Queste piccole animazioni cittadini sono efficaci modalità di promozione della Festa del gioco e incontrare i genitori per portare avanti l’indagine sul gioco con loro.


mascherone di cartone Festa del gioco
capanne e modi di giocare diversi